Venerdì 18 Agosto 2017
Diritti
Agnesi. Lo storico pastificio di Imperia verso la chiusura PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Valentini   
Martedì 21 Ottobre 2014 16:23

E’ partito ieri lo sciopero di 4 giorni per i 110 dipendenti dello stabilimento Agnesi, pastificio fra i più antichi in Italia, in attività dal 1824. La mobilitazione nasce in risposta al piano presentato dal gruppo Colussi, proprietario del marchio, che sembra prevedere la chiusura del pastificio nel 2015, con la conseguente perdita dei posti di lavoro, ed un’immediata riduzione della produzione.

Leggi tutto...
 
Ast Terni. Fallita trattativa. 16 ottobre sciopero PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Venerdì 10 Ottobre 2014 17:27

È fallita la trattativa per l’AST di Terni, la stessa mediazione del Governo non ha sortito effetti positivi risultando insoddisfacente sia per i Sindacati che per l’impresa. La risposta è lo sciopero generale di 8 ore proclamato unitariamente dai sindacati in tutta la provincia di Terni.

Leggi tutto...
 
La Cgil in piazza per il lavoro PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandra Valentini   
Sabato 04 Ottobre 2014 10:10

Entra nel vivo la preparazione per la manifestazione nazionale indetta dalla Cgil per il 25 ottobre a Piazza San Giovanni a Roma.

Leggi tutto...
 
Morti due operai nel cremonese PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Sabato 27 Settembre 2014 13:04

Due operai sono morti in un incidente sul lavoro avvenuto ieri sera, intorno alle 23, nell'azienda Ferraroni Mangini a Bonemerse nel cremonese.

Leggi tutto...
 
Peschereccio affonda al largo coste trapanesi. Un morto e un disperso PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Martedì 23 Settembre 2014 11:50

In mare si muore ancora come ai tempi dei Malavoglia, questa volta non sono migranti in cerca di salvezza ma si tratta di pescatori di un piccolo peschereccio iscritto al compartimento marittimo di Marsala col nome di ''Tre fratelli''.

Leggi tutto...
 
Morti sul lavoro nei primi otto mesi del 2014. Quota 423 PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Mercoledì 10 Settembre 2014 07:42

Nei primi 8 mesi del 2014 sono morti sui luoghi di lavoro 423 lavoratori. Se si aggiungono i morti sulle strade e in itinere si superano i 900 morti. L’aumento dei morti sui luoghi di lavoro rispetto ai primi 8 mesi del 2013 è del 7,6%. La cosa che sgomenta di più è che parlano sempre di cali incredibili tutti gli anni, mentre non è affatto vero, se si prendono in considerazione tutte le morti sul lavoro che ricordiamo ancora una volta non sono solo quelle monitorate dal’INAIL istituto dello Stato che registra solo i propri assicurati, e in tantissimi non lo sono.

In questo momento l’agricoltura con il 39,8% del totale ha un picco incredibile delle morti.

In edilizia i morti sui luoghi di lavoro sono il 22,9% del totale, con le solite cadute dall’alto che provocano tantissime morti in edilizia.

Nell’industria il 9,8%, il 7,8% nell’autotrasporto. Poi ci sono tutti i lavoratori morti nei vari servizi alle imprese.

Percentualmente le morti sul lavoro sono distribuite in eguale misura in tutte le fasce d’età, a parte l’agricoltura, dove le vittime hanno un’età mediamente più alta.

Gli stranieri morti sui luoghi di lavoro sono il 10% sul totale e i romeni sono sempre i più numerosi con il 45% delle morti sui luoghi di lavoro tra gli stranieri.

 

MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO NELLE PROVINCE ITALIANE:

Valle d'Aosta (1 morto) Aosta 1, Piemonte (36 morti) Torino 14, Alessandria 7, Asti 2, Biella 0, Cuneo 10, Novara 2, Verbano-Cusio-Ossola 1, Vercelli. Liguria (8 morti) Genova 5, Imperia 0, La Spezia 1, Savona 1.Lombardia (44 morti) Milano 6, Bergamo 5, Brescia 8, Como 0, Cremona 4, Lecco 0, Lodi 2, Mantova 7, Monza 2, Brianza 1, Pavia 6, Sondrio 2, Varese 2.Trentino-Alto Adige (15 morti) Trento 4, Bolzano 11,Veneto (36 morti) Venezia 7, Belluno 2, Padova‎ 3, Rovigo 1, Treviso 5, Verona 12, Vicenza 5. Friuli-Venezia Giulia (5 morti) Trieste 1, Gorizia 0, Pordenone 1, Udine 3. Emilia-Romagna (38 morti) Bologna 4. Forlì-Cesena 6, Ferrara 6, Modena 5, Parma 6, Piacenza 3, Ravenna 5, Reggio Emilia 2, Rimini 1.Toscana (16 morti) Firenze 2, Arezzo 6, Grosseto 1, Livorno 1, Lucca 1, Massa Carrara 0, Pisa‎ 4, Pistoia 1, Prato 0, Siena 0.Umbria (11 morti) Perugia 8, Terni 3.Marche (15 morti) Ancona 1, Ascoli Piceno 5(compresi i 4 piloti del Tornado), Fermo 3, Macerata 2, Pesaro-Urbino 3.Lazio (36 morti)Roma 15, Frosinone 3, Latina 4, Rieti 6, Viterbo 8.Abruzzo (20 morti) L'Aquila 7, Chieti 7, Pescara 1, Teramo 5.Molise (7 morti) Campobasso 3, Isernia 4,Campania (29 morti) Napoli 8, Avellino 4, Benevento 4, Caserta 4, Salerno 9,Puglia (24 morti) Bari 12, BAT 1, Brindisi 0, Foggia 1, Lecce 7, Taranto 3.Basilicata (4 morti) Potenza 3, Matera 1. Calabria (13 morti) Catanzaro 3, Cosenza 3, Crotone 1, Reggio Calabria 1, Vibo Valentia 5.Sicilia (30 morti) Palermo 8, Agrigento 3, Caltanissetta 5, Catania 2, Enna 2, Messina 3, Ragusa 1, Siracusa 3, Trapani‎ 3.Sardegna (9 morti) Cagliari 0, Carbonia-Iglesias 2, Medio Campidano 1, Nuoro 2, Ogliastra 1, Olbia-Tempio 0, Oristano 3, Sassari‎ 0.

Se si analizzano con obbiettività questa raccolta dati si evidenzia un’Incredibile mattanza, che fa comprendere come opera chi ci sta governando e che ci ha governato in questi ultimi anni. Se è vero che l’INAIL registra costantemente dei cali delle morti tra i propri assicurati, e questo lo scrivo ormai da diversi anni, ed è una verità molto scomoda, anche per come vengono indirizzate le ingenti risorse che lo Stato mette per la Sicurezza, questo cosa vuol dire, se l’Osservatorio Indipendente di Bologna invece può dimostrare dati alla mano che praticamente da quando è stato aperto il 1° gennaio 2008 i morti sui luoghi di lavoro sono addirittura aumentati? Che sono calati gli occupati in posti tutelati e con assicurazioni degne di questo nome. Che le vittime sul lavoro si sono solo spostate da lavori a tempo indeterminato a lavori precari, in nero e grigio.  Che il Sindacato svolge una funzione determinante per la Sicurezza dei lavoratori, ricordando che dove sono presenti in modo organizzato le morti sul lavoro sono quasi inesistenti.

La mancanza di tutele uccide i lavoratori che non possono opporsi, pena il licenziamento, anche alla mancata sicurezza sul lavoro.

 

Carlo Soricelli curatore dell’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

 
Accenture. I lavoratori di Palermo scrivono al Sindaco Orlando PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Mercoledì 30 Luglio 2014 13:09

I 262 lavoratori di Accenture, oggetto di procedura di licenziamento collettivo dopo la cessazione della commessa British Telecom, hanno scritto una lettera al sindaco di Palermo Leoluca Orlando chiedendogli un intervento per difendere il loro posto di lavoro. Oggi sono state proclamate 8 ore di sciopero.

Leggi tutto...
 
Chiude l'Unità PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Mercoledì 30 Luglio 2014 08:48

Oggi l'Unità, quotidiano fondato da Antonio Gramsci nel 1924, si è presentato ai lettori con un titolo choc "Hanno ucciso l'Unità". Un titolo che rende la vera portata di quello che sta accadendo con la chiusura dal 1° di agosto dello storico quotidiano che sempre si è affiancato alla vita politica e sociale della sinistra e del movimento operaio.

Leggi tutto...
 
Eni. Oggi sciopero e presidio a Roma PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Martedì 29 Luglio 2014 07:15

Dopo lo sciopero e la manifestazione di ieri a Gela, oggi è sciopero generale per i lavoratori di tutte le aziende del Gruppo Eni.

Leggi tutto...
 
Sindacati. 22 e 24 luglio presidio a Montecitorio PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Martedì 22 Luglio 2014 08:58

Oggi, martedì 22 luglio, e ancora giovedì, sempre dalle 9, Cgil, Cisl e Uil danno appuntamento per un presidio a Piazza Montecitorio a Roma per chiedere il finanziamento degli ammortizzatori in deroga.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 10 di 160