Martedì 22 Maggio 2018
Una nuova era per NY con Bill de Blasio, sindaco democratico che parla di uguaglianza e giustizia PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Valentini   
Mercoledì 06 Novembre 2013 16:19

Origini italiane, una moglie afroamericane, due bellissimi figli frutto del melting pot statunitense, ultra democratico.

E’ Bill de Blasio, il nuovo sindaco di New York, che vince clamorosamente sul rivale repubblicano Joe Lhota fra le urla e la gioia dei suoi sostenitori, tutti riuniti a Brooklyn. Un vero plebiscito e il neo eletto sindaco tramite twitter ringrazia la sua NY, dove lo hanno votato bel il 92% degli afroamericani e l’82% dei latinos.

 

"Adesso andremo avanti con le nostre idee: più uguaglianza, ora camminiamo uniti. La nostra città non deve lasciare nessuno indietro", dichiara dal palco De Blasio, lanciando subito la sua politica. Si perché dopo 20 anni New York ritrova un sindaco democratico, ma un democratico che potremmo definire di sinistra. Durante la campagna elettorale qualcuno lo ha chiamato sandinista, per la sua passione giovanile per la rivoluzione in Nicaragua, altri gli hanno detto di tornarsene in Urss. Quello che è certo è che Bill de Blasio ha un forte senso di giustizia sociale e le idee molto chiare: più tasse per i ricchi, basta alle speculazioni edilizie che coprono Manhattan di cemento; più risorse per le scuole pubbliche, le università e gli ospedali; un freno ai metodi duri della polizia, alla tattica stop and frisk usata per fermare i sospetti (quasi sempre giovani black o latinos).

 

"Dicono che sono idee ambiziose, per me sono solo buone idee", commenta il sindaco. Intanto i festeggiamenti continuano tutta la notte, nessuno se ne vuole andare, inizia una nuova era per New York. Sembra si respiri un’aria nuova e chissà che il cambiamento non parta proprio da qui, dalla grande mela

 

06-11-2013