Sabato 23 Settembre 2017
Migranti. Bonino a La Stampa, visti a tempo per Paesi Ue PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Lunedì 10 Luglio 2017 11:54

"Sui migranti per ora non abbiamo ottenuto molto dall'Europa. Ma non per questo dobbiamo desistere". Intervistata dalla Stampa, Emma Bonino, ex Ministra degli Esteri, propone una nuova strada, "in salita, ma legale e percorribile": l'applicazione di una direttiva di 16 anni fa che permetterebbe di distribuire i migranti fra Paesi europei.

"Fenomeni epocali come questo - rileva l'ex ministro degli Esteri - si possono affrontare solo se gli Stati europei fanno fronte comune". "Vale la pena studiare la proposta avanzata dal segretario dei Radicali italiani, Riccardo Magi, e dalla comunità di Sant'Egidio, sulla richiesta di attivazione della direttiva 55 del 2001" che, spiega Bonino, "in caso di afflusso massiccio di sfollati, prevede uno smistamento nei vari Paesi attraverso una protezione temporanea di un anno prorogabile fino a un altro anno. Verrebbe rilasciata a tutti i profughi che vengono dalla Libia, viste le condizioni disumane che soffrono".

 

Per ottenerne l'applicazione, "l'Italia chiede formalmente di portare in Consiglio europeo la richiesta di attivazione della direttiva, e tratta coi Paesi membri affinché la proposta passi", dice Bonino. Se la richiesta viene bocciata, "l'Italia può pensare a un provvedimento nazionale che richiami quella direttiva: sarebbe un segnale forte nei confronti degli altri Stati in risposta all'atteggiamento tenuto finora. Uno strumento di pressione efficace su cui ragionare".

In pratica, l'Italia potrebbe rilasciare visti temporanei che permettano ai migranti di muoversi in Europa, "nel rispetto delle regole di Schengen che in ogni caso - conclude Bonino - prevedono deroghe per motivi umanitari".

 

10-7-17