Mercoledì 23 Maggio 2018
Tunisia. Notte di calma ma proseguono le manifestazioni contro la finanziaria PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Venerdì 12 Gennaio 2018 10:04

Dopo tre serate di proteste e scontri, si registra una notte di relativa calma in Tunisia.

 

I media tunisini riferiscono di disordini nei governatorati di Siliana e Kasserine, a Douz e nei quartieri di Ettadhamen, Ibn Sina ed El Mourouj alla periferia di Tunisi.

Il portavoce del ministero dell'Interno, Khalifa Chibani, ha confermato stamani che sono 778 le persone arrestate dall'inizio delle proteste contro la legge finanziaria e il carovita.

 

Per oggi il collettivo Fech Nestanew (in arabo 'Cosa aspettiamo?'), che sostiene le proteste antigovernative ed è molto attivo sui social, ha inviato i tunisini a scendere in piazza. I militanti del movimento chiedono la revisione della legge finanziaria e posti di lavoro.

 

Sempre Chibani ha ribadito come i fatti degli ultimi giorni - i saccheggi e gli atti vandalici più volte denunciati dalle autorità - non abbiano nulla a che vedere con le proteste "legittime" contro il carovita, ma "favoriscano l'infiltrazione dei terroristi e dei delinquenti". "Comprendiamo le rivendicazioni - ha detto - ma nulla giustifica le violenze".

 

 

12-1-18