Martedì 19 Giugno 2018
Politica
Da Di Pietro 200mila firme per Legge anti-finanziamento ai partiti PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Martedì 15 Maggio 2012 08:10

Ieri Antonio Di Pietro ha consegnato alla Camera dei Deputati 200mila firme raccolte per promuovere la legge popolare contro il finanziamento pubblico dei partiti.

Leggi tutto...
 
Grecia, ultimatum il 13 febbraio PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Martedì 07 Febbraio 2012 09:14

E' questione di ore e poi conosceremo il destino della Grecia, paese euro ricco di storia e cultura che forse non apparterrà più alla vecchia Europa, almeno economicamente.
L'Ue incalza il Paese ellenico: il tempo è scaduto, riforme o default. Senza un accordo, per il quale tornano a riunirsi oggi governo e partiti, la troika Ue-Bce-Fmi non darà infatti il via libera ai nuovi aiuti da 130 miliardi. E il nuovo sciopero generale di 24 ore ad Atene non semplificherà le trattative. A Berlino oggi si terrà il discorso della cancelliera Merkel sul futuro dell'Europa.

Leggi tutto...
 
Sfigati a 28 anni, bamboccioni a 30, fannulloni a 40...Cos'altro mai ci diranno? PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Valentini   
Martedì 24 Gennaio 2012 15:32

“Dobbiamo iniziare a dare nuovi messaggi culturali: dobbiamo dire ai nostri giovani che se non sei ancora laureato a 28 anni sei uno sfigato”. Bè, complimenti al vice ministro del Lavoro Michel Martone, proprio niente male come messaggio culturale.

Leggi tutto...
 
Quanto costa una vita in Italia? Permessi di soggiorno a 200 euro, ma il governo Monti frena PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Valentini   
Giovedì 05 Gennaio 2012 09:12

Ormai è la solita storia, a pagare sono sempre gli ultimi. Così, secondo un decreto legislativo firmato dagli ex ministri dell'Interno e dell'Economia, Roberto Maroni e Giulio Tremonti, dal 30 gennaio gli stranieri che richiedono il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno dovranno pagare un contributo che può arrivare fino a 227 euro.

Leggi tutto...
 
Costi politica. Le frasi della vergogna PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Mercoledì 04 Gennaio 2012 13:14

Vista l’attenzione dedicata in questi giorni al tema dei compensi dei nostri parlamentari, riportiamo alcune (solo alcune) tra le frasi più significative dette dai parlamentari di tutti gli schieramenti politici nelle ultime 48 ore.

Leggi tutto...
 
Spagna: vince la destra, debacle del Psoe. Bene Izquierda Unida PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Mercoledì 23 Novembre 2011 09:07

Uno tsunami elettorale ha scaraventato la Spagna dieci anni indietro, confinando alla deriva il governo del PSOE guidato dal 2004 da José Luis Rodriguez Zapatero che agli occhi degli spagnoli non ha saputo difendere i ceti popolari dalla crisi economica e finanziaria che sta sconvolgendo l’Europa, e non solo.

Leggi tutto...
 
Elezioni in Nicaragua e Guatemala PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Valentini   
Lunedì 07 Novembre 2011 11:34

Ieri due Paesi del Sud America si sono recati alle urne tra le polemiche. In Nicaragua sembra sia stato riconfermato alla presidenza il sandinista ed ex guerrigliero Daniel Ortega, che si è ripresentato alle elezioni appoggiandosi a una sentenza giudiziaria che ha invalidato l’articolo della Costituzione vietante l’immediata ricandidatura, una decisione che l’opposizione taccia di illegittimità.

Leggi tutto...
 
Occupy Rome. Il racconto della giornata PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Domenica 16 Ottobre 2011 08:09

DI ANTONELLA DE BIASI - Il 15 ottobre degli indignados italiani sarà ricordato per la battaglia di piazza San Giovanni. Purtroppo la violenza di un pugno di black block ha rubato la scena a circa mezzo milione di persone che hanno sfilato pacificamente. Fin dalle prime ore della mattinata i pullman da tutta Italia hanno portato i manifestanti in città.

Leggi tutto...
 
Manifestazione Fp e Flc Cgil. Camusso, governo vada a casa PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandra Valentini   
Sabato 08 Ottobre 2011 19:37

Per le strade di Roma da piazza della Repubblica a piazza del Popolo un lunghissimo corteo, colorato di rosso, si è mosso dando vita ad una partecipata manifestazione promossa dalla Funzione Pubblica e Flc della Cgil.

Leggi tutto...
 
Roma, manifestazione di Sel. «Ora tocca a noi». Vendola infiamma Piazza Navona PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandra Valentini   
Sabato 01 Ottobre 2011 15:52

 

"Al netto di Berlusconi, al netto degli scandali, al netto di tutto, Tremonti è la medicina o – come io penso – la malattia?”. Cosi Nichi Vendola parla dal palco di Piazza Navona, gremita da migliaia di persone che chiedono l’alternativa a questo governo, ma anche ad un modello di società e sviluppo che ha creato crisi, ingiustizie sociali. Un pensiero va alle parole di Napolitano, un ringraziamento: "Le parole del capo dello Stato -ha affermato Vendola- sul fatto che non esiste un diritto democratico alla secessione perchè non esiste la Padania sono parole di cui la ringraziamo signor presidente della Repubblica: ci aiutano a sentire meno aspro il dolore che proviamo". Dalla piazza arriva un'ovazione mentre campeggia lo striscione «Tutti in piazza con chi vuole cambiare», contornato dallo sventolio di tante bandiere rosse. «Ora tocca a noi», è scritto ovunque in piazza, dagli adesivi attaccati sulle magliette dei manifestanti, fino ai cartelli esposti dai militanti.
In un momento in cui avere fiducia nella politica e sentirsene rappresentati è difficile, Vendola infiamma una Piazza Navona piena, non si risparmia e, con un po’ di fiatone e vari bicchieri d’acqua, parla con passione e trasporto di fratellanza, giustizia, sostenibilità sociale ed ecologica, uno sviluppo che parta dalla terra e dagli uomini, il senso della comunità, della società, la centralità del lavoro, una lavoro fatto di diritti e non di sfruttamento. E ancora, l’inviolabilità delle persona, la dignità e la libertà di amare, un’alternativa politica che sia un percorso da fare insieme, guardando al futuro, partendo dagli uomini e dalle donne che sono la parte sana del Paese.
“Noi difendiamo l'Italia fondata sul lavoro, non sulla truffa, sulle escort, sul malaffare, ma sui diritti di chi lavora. In questo momento, siamo un Paese senza un'idea del futuro, squagliato da uno spettacolo indegno di una politica che funziona come servizio privato, non pubblico. Che tutto mette in discussione tranne i propri privilegi. A causa di ciò, stiamo scivolando nel baratro: per 3 anni il Governo ha negato la crisi e aggravato i problemi. Oggi assistiamo ad un crescendo rossiniano di manovre finanziarie drammatiche. Il Governo ha tagliato nella carne viva dei diritti dei cittadini, accentuando la tendenza all'impoverimento e alla perdita di prospettive. Approfittano dell'alibi della crisi per uccidere l'idea dei beni comuni e obbligare i Comuni alla privatizzazione dei servizi pubblici. Nel frattempo, chi è al Governo «vuole cancellare la memoria delle lotte di classe fatte dai lavoratori”.
Il leader di Sinistra e libertà chiama a raccolta il popolo di centro sinistra per costruire l'alternativa: “Il cantiere dell'alternativa deve essere grande. Dobbiamo saper accogliere nel cantiere anche cose tra loro diverse e per questo servono le primarie”. Quanto ai contenuti l'alternativa deve basarsi su una strategia per uscire dalla crisi che preveda “la patrimoniale e la tassazione delle rendite finanziaria”.
Vendola emoziona e si emoziona, ma non cade mai nella retorica né nel buonismo, incita all’impegno politico e sociale, ad una battaglia per la democrazia e dal palco conclude: “compagne e compagni, ora tocca a noi”.

1-10-11

 

 
<< Inizio < Prec. 11 12 13 14 15 Succ. > Fine >>

Pagina 13 di 15