Giovedì 23 Novembre 2017
Sardegna. Natale in miniera PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Lunedì 24 Dicembre 2012 11:44

La resistenza dei lavoratori sardi del Sulcis per difendere il posto di lavoro e quindi la possibilità di un futuro, questa volta si sposta nel buio della miniera della galleria Villamarina di Monteponi.

 

Non è più l’Asinara, l’isola dei cassintegrati, ma lo spazio stretto e buio dove un gruppo di lavoratori della Rockwool hanno scelto di passare il loro Natale di protesta.

 

Sono lì dal 12 novembre per chiedere che la Regione dia risposte e occupazione: chiedono il rispetto dell'accordo siglato un anno fa, l'inquadramento nell'organismo Carbosulcis, a tempo indeterminato, e non quanto proposto venerdì scorso dalla Giunta, con la stabilizzazione a tempi determinato nell'Ati-Infras che si occuperà delle bonifiche nelle aree minerarie dismesse.

Si chiedono certezze e non continui rinvii, come quelli che hanno accompagnato la vicenda della Eurallumina, arrivata al quarto anno di fermata produttiva.

Per far capire meglio le loro intenzioni i lavoratori si sono murati nella miniera abbandonata.

 

Al di là del muro i lavoratori non sono soli, un gruppo di ragazzi che si sono definiti “Figli della crisi” hanno allestito una tenda davanti al palazzo del Consiglio regionale.

Sono studenti, giovani del Sulcis, figli, nipoti, parenti di chi in questi anni ha cercato di salvare il posto di lavoro con manifestazioni di piazza, occupazioni, lunghe trasferte per protestare davanti ai palazzi romani.

"Sarà un Natale diverso all'insegna della protesta", spiegano i Figli della crisi che rivendicano "il diritto a essere riconosciuti come parte sociale, a essere informati e interpellati riguardo alle politiche che sono portate avanti in un periodo così difficile per le nostre famiglie".

I giovani rivendicano anche "il diritto all'istruzione e al lavoro e a poter vivere nella propria terra senza dover andare via alla ricerca di una fortuna che sembra solo un'illusione".

 

Sotto una tenda bianca, illuminata come una capanna natalizia, i ragazzi si alterneranno in presidio fino al 2 gennaio.

Una capanna per un presepe diverso, vivente, laico, o sacro se sacro è il lavoro.

 

A.V.

 

24-12-12