Mercoledì 13 Dicembre 2017
Fs. 10 giorni di sospensione a De Angelis per solidarietà lavoratori Melfi PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Sabato 16 Ottobre 2010 07:38

La notizia la dà, anche questa volta, la redazione della rivista dei macchinisti “ancora In marcia!”, e riguarda ancora una volta Dante De Angelis su cui sembra le Ferrovie dedicano molta attenzione. Il macchinista ha ricevuto una sanzione di 10 giorni a causa di una sua dichiarazione di solidarietà ai tre lavoratori di Melfi licenziati dalla Fiat, reintegrati dal Tribunale del Lavoro ma poi non fatti tornare a lavoro...

De Angelis nella sua nota ha ricordato come anche le Fs fecero nel 2006 una proposta simile lui, cioè percepire uno stipendio ma non lavorare. La circostanza è documentata e quindi non si comprende l’ennesimo addebito fatto dalle Fs al De Angelis. Per le Ferrovie la dichiarazione dal macchinista De Angelis "è del tutto falsa e destituita di fondamento". Non era dello stesso parere l'avvocato Alleva che nel 2006, difendendo il De Angelis, aveva diffuso un comunicato stampa nel quale stigmatizzava la proposta delle Fs di far percepire uno stipendi a De Angelis senza avvalersi della sua opera. Per i ferrovieri di "ancora In Marcia!", come si legge nel comunicato diffuso dalla testata: "le FS si sono accanite ancora una volta contro il macchinista Dante De Angelis, colpendolo con dieci giorni di sospensione dal lavoro e dallo stipendio, per aver espresso, il 23 agosto scorso, la sua solidarietà ai lavoratori della Fiom licenziati a Melfi, non riammessi in fabbrica dopo il reintegro, soltanto per aver accostato il comportamento delle due aziende nella volontà comune di pagare lo stipendio pur di mantenerli "fuori" dall'azienda. Lo riteniamo un vero e proprio atto intimidatorio – spiegano - un tentativo di ostacolare non soltanto l'attività sindacale, soffocare il libero pensiero e la libertà di espressione ma anche la solidarietà tra i lavoratori”. Ma 10 giorni di sospensione sono stati inflitti pochi giorni fa anche ad un altro macchinista e Rsu perché ha fatto dichiarazioni circa i rischi delle gallerie ferroviarie in Puglia. Una cosa molto preoccupante poiché ancora una volta si colpisce un Rsu nell’esercizio delle sue funzioni, svolte nell’interesse non solo dei lavoratori, ma in questo caso anche dei viaggiatori.

Sabato pomeriggio dal palco di Piazza San Giovanni Antonio Barozzino, uno degli operai di Melfi sul palco con i compagni Lamorte e Pignatelli, ha ringraziato "il compagno Dante, punito dalle Fs per aver espresso solidarietà nei nostri confronti" (qui IL VIDEO CON GLI INTERVENTI DI POMIGLIANO E MELFI). Dopo l'intervento di Antonio, l'incontro tra Dante e i tre: un bel momento di solidarietà tra lavoratori.

 

A. V.

 

16-10-10