Martedì 17 Ottobre 2017
Venerdì sciopero generale di Rdb, Cobas, Sdl. La scuola scende in piazza PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Valentini   
Mercoledì 14 Ottobre 2009 00:00

Continuano le proteste contro la riforma dell’istruzione messa in campo dal Governo e dal ministro Gelmini. Venerdì 23 ottobre il popolo della scuola scenderà in piazza per la manifestazione nazionale indetta all’interno della giornata di sciopero generale di tutte le categorie del lavoro dipendente proclamata da Cobas, RdB e SdL....


A Roma, da Piazza della Repubblica, alle ore 10 partirà il corteo che riunirà insegnati, precari, personale non docente, studenti e tutti coloro che vogliono dire NO ai tagli delle cattedre e delle risorse destinate alla scuola pubblica. Il corteo si concluderà a Piazza San Giovanni, mentre alle 14,30 la protesta si sposterà davanti al Ministero della Pubblica Istruzione, dove i precari della scuola si riuniranno in Assemblea per decidere come proseguire la battaglia per le assunzioni.
Lo sciopero indetto dai sindacati di base vede in prima fila lavoratori e lavoratrici della scuola ma coinvolgerà tutte le categorie del lavoro dipendente, a partire dai trasporti che si fermeranno per 24 ore, garantendo il servizio nelle fasce orarie protette. Per il settore ferroviario, alla base della mobilitazione, il no alle privatizzazioni, la difesa del diritto allo sciopero, aumenti salariali reali, più attenzione alla sicurezza sul lavoro e la riassunzione immediata del ferroviere e Rls Dante De Angelis.
L’obiettivo dello sciopero generale, spiega Piero Bernocchi, portavoce nazionale dei Cobas, è l’unificazione delle lotte in corso, “dare una forte risposta alla valanga di licenziamenti in corso, ai massicci tagli alla scuola pubblica con l'espulsione in massa dei precari, alla chiusura di tante aziende, all'attacco al contratto nazionale, alla xenofobia e al razzismo”.

Valentini Valentina
21-10-2009