Giovedì 23 Novembre 2017
ThyssenKrupp e Eternit, 17 novembre presidio davanti al Tribunale di Torino PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandra Valentini   
Lunedì 16 Novembre 2009 09:17

La Rete Nazionale per la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro, a cui aderisce l’Associazione Legami d’Acciaio (Ex lavoratori ThyssenKrupp e famigliari delle vittime) convoca per il giorno Martedì 17 Novembre dalle 8.30 davanti al Tribunale di Torino un Presidio-Conferenza Stampa per lanciare e promuovere la Manifestazione Nazionale che si terrà il prossimo 10 Dicembre a Torino....

Manifestazione dinnanzi al Tribunale di Torino, in occasione dell’udienza per il Processo Eternit, per legare con un filo rosso le vicende processuali dei due più importanti processi rispetto alla salvaguardia della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro, e non solo, come nel caso della storica e tragica vicenda dell’azienda Eternit di Casale Monferrato (e delle altre filiali italiane ed europee) che negli anni ha colpito e ucciso i cittadini casalesi e tuttora continua a mietere vittime tra la popolazione con il killer chiamato amianto.
A distanza di un anno, sempre a Torino, città simbolo dei Lavoratori e della Difesa dei Diritti e delle condizioni di lavoro, in occasione del secondo Anniversario dei Sette Operai periti tragicamente nella Strage alla ThyssenKrupp del 6 dicembre 2007, una Manifestazione di carattere Nazionale per rilanciare l’attenzione sull’unica vera “Emergenza Sicurezza“ in Italia, ossia la continua strage di Lavoratori che muoiono (3 al giorno in media) nelle fabbriche e nei cantieri del nostro Paese.
Lavoratrici e Lavoratori che muoiono “in itinere”, o perché lavorano con mezzi di trasporto (auto-trasportatori, agenti di commercio, ecc.) vengono classificati come vittime della strada e non vengono entrambe registrate dalle statistiche ufficiali, oppure molti di essi sono fantasmi perché lavorano in nero e sono più a rischio se precari e immigrati , così come gli italiani che lavorano nei cantieri magari nel Sud del Paese, che al momento dell’ infortunio risultano “casualmente” al loro primo giorno di lavoro!
La Rete Nazionale non si vuole solo porre come l’insieme di diversi soggetti, fatta innanzitutto di Lavoratrici/ori, Rsu / Rls, Ispettori del Lavoro e delle Asl , Organizzazioni Sindacali e Politiche che hanno come minimo comune denominatore la denuncia e la Lotta per difendere i Diritti e la Salute dei Lavoratori, non in surroga, ma in sostegno del Sindacato che su questi temi è schierato sinceramente, dalla parte di chi lavora e agisce coerentemente senza calcoli o ambiguità e facili opportunismi, chiamati produttività, compatibilità ed interessi generali, che sono i veri motivi oltreché l’ovvio interesse del profitto, per cui il Padronato Italiano e delle Multinazionali ha sferrato questa impari Guerra che fa sì che in Italia , le morti da e per lavoro siano il doppio di quelle per omicidio!!!

Rete Nazionale per la Sicurezza nei luoghi di lavoro

Torino, 16 Novembre 2009