Giovedì 19 Ottobre 2017
Migranti. 58 morti sulle coste della Turchia PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Giovedì 06 Settembre 2012 14:13

E' salito a 58, dopo le prime notizie della mattina, il numero dei morti nel naufragio di una imbarcazione al largo delle coste occidentali della Turchia, precisamente al largo della costa egea di Ahmetbeyli, città turca della provincia di Izmir (Smirne). Si tratta di migranti siriani e iracheni, circa la metà sarebbero bambini.

 

A diffondere la notizia l'agenzia turca Dogan.

Sull’ennesima tragedia dei migranti è intervenuto l'Alto commissariato per i rifugiati dell'Onu(Unhcr), Laura Boldrini, che esprime "cordoglio per questa ennesima tragedia del mare che colpisce profondamente anche perché, da quanto si apprende, i naufraghi sarebbero cittadini iracheni e siriani in fuga dal conflitto". Significativa la denuncia di Laura Boldrini nei confronti dell’informazione: "é dunque tanto più inappropriato e fuorviante riferirsi alle vittime di questo naufragio come clandestini". "Purtroppo - prosegue Boldrini - i media continuano a non prestare la dovuta attenzione al linguaggio che invece è determinante nella percezione del fenomeno migratorio". "Clandestino - conclude la portavoce - è una parola piena di pregiudizio tanto più inopportuna in una situazione come questa. Non a caso tutti i media internazionali parlano di 58 rifugiati morti, solo quelli italiani li definiscono clandestini".

 

 

6-9-12