Domenica 25 Giugno 2017
Arcigay: le gerarchie cattoliche cercano di portare la loro omofobia nel Consiglio d’Europa PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Giovedì 28 Gennaio 2010 00:00

“Veniamo a scoprire proprio nel Giorno della Memoria nel quale il movimento omosessuale commemora i suoi martiri vittime di tutti i regimi totalitari, che il nunzio apostolico vaticano a Parigi, Luigi Ventura, ha inviato una lettera ai 201 componenti del PPE membri dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, per opporsi alla risoluzione sulle discriminazioni sessuali, prevista al voto per il 27 gennaio e slittata ad aprile, risoluzione che chiede, tra l'altro, la garanzia del riconoscimento legale alle coppie dello stesso sesso”. Lo denuncia in una nota l’Arcigay...

“La vergognosa ingerenza vaticana supera i confini e cerca di portare l’ignoranza dei diritti civili e l’omofobia anche in Europa  – dichiara il presidente nazionale Arcigay Aurelio Mancuso – le gerarchie cattoliche hanno capito che l’Unione Europea sta tracciando la direzione per la parità dei diritti e che tra poco la sola Italia non potrà più fermare il processo di liberazione e per questo tentano di allargare il cortile vaticano fino a Strasburgo. Proprio quando, attraverso la commemorazione di tutte le vittime dei regimi vogliamo ricordare come il pregiudizio verso le differenti identità ha prodotto e produce ancora milioni di vittime nel mondo, il vaticano dà l’ennesima prova della sua responsabilità nel diffondere odio e nell’infilarsi nel progresso civile di altre nazioni, responsabilità già messa in luce con la presa di posizione contro la depenalizzazione universale dell’omosessualità.”

28-1-10