Venerdì 18 Agosto 2017
Papa Francesco incontrerà i familiari delle vittime di mafia PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Valentini   
Martedì 18 Marzo 2014 10:41

Il 21 marzo, giorno di inizio della primavera sarà ricordato anche per un altro motivo, quel giorno Papa Francesco, accogliendo l’invito di don Luigi Ciotti, incontrerà i familiari delle vittime di mafia. Nella chiesa di San Gregorio VII, a due passi dal Vaticano, Bergoglio si riunira' in preghiera e in dialogo con 700 familiari accompagnati dal fondatore di Libera, un abbraccio ideale e significativo.

"La disponibilità del Papa ad accompagnare i familiari a questo momento carico di dolore ma anche di speranza, è segno di un'attenzione e di una sensibilità che loro hanno colto sin dal primo momento – commenta don Ciotti - Attenzione verso tutta l'umanità fragile, ferita. Ma attenzione anche per lo specifico tema delle mafie, della corruzione, delle tante forme d'ingiustizia che negano la dignità umana”.

 

Questo incontro si veste poi di un significato particolare, è infatti la prima volta che un Papa incontra i famigliari della vittime di mafia nella vigilia della manifestazione che Libera organizza ogni anno il 22 marzo in una città diversa, questa volta tocca a Latina. La Giornata della memoria e dell’impegno ricorda le vittime di tutte la mafie: “Molte erano dei giusti – sottolinea don Ciotti - persone che non hanno esitato a mettere la propria vita al servizio di quella degli altri, anche a costo di perderla. E' questa giustizia delle coscienze, prima che delle leggi, il dono che ci hanno lasciato. Condividerlo è nostro compito quotidiano. Condividerlo con papa Francesco è la più grande delle gioie".

 

18-03-2014