Martedì 17 Ottobre 2017
Due naufragi al largo della Grecia. Almeno 22 i migranti morti fra cui 11 bambini PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Venerdì 30 Ottobre 2015 09:32

Il mare ancora una volta si prende la vita di chi, sfidando onde e maltempo, cerca la salvezza in Europa, pronto ad affrontare muri, polizia, centri per l’identificazioni, notti in strada, marce senza fine.

Le speranze di molti si sono arenate nei mari della Grecia dove la scorsa notte almeno 22 persone sono morte nel naufragio di due barconi. Il ministero della Marina mercantile greca ha reso noto che 19 persone sono morte e 138 sono state messe in salvo a largo dell'isola di Kalymnos. Il secondo naufragio è avvenuto a largo di Rodi: almeno tre persone sono morte, sei sono state messe in salvo e sei sono dichiarate disperse. Si alza così il bilancio dei naufragi nei mari greci con 70 morti e più di 100 dispersi nel 2015. La tragedia di queste ore è inoltre aggravata dalla notizia che 11 vittime sono bambini, fra questi due neonati.

E i bambini sono protagonisti involontari anche degli episodi di tensione al confine sloveno-austriaco dove i migranti, in tantissimi con i figli piccoli in braccio, hanno sfondato le barriere metalliche dopo ore di attesa al freddo e sotto la pioggia. La situazione si è poi calmata dopo che ad alcune centinaia di profughi è stato concesso l’ingresso in Austria.

 

30-10-2015