Mercoledì 18 Luglio 2018
Libri. Argentina revoca stop a importazione libri stampati all'estero PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandra Valentini   
Giovedì 07 Gennaio 2016 12:50

I libri non hanno confini, così come le parole ed i pensieri, così anche l'Argentina torna su i suoi passi rivedendo una singolare decisione.

 

Sono state revocate in Argentina le restrizioni che impedivano l'ingresso nel paese di libri stampati all'estero. Lo hanno annunciato, si legge sui media locali, i ministri della Cultura, Pablo Avelluto e delle Attività Produttive, Francisco Cabrera, osservando che il provvedimento mira "ad aumentare le diversità letterarie, favorire per i lettori argentini la libertà di scelta e facilitare lo scambio dell'editoria locale con i mercati internazionali".

"Editori, librai e autori sostengono la decisione, che favorisce una maggiore integrazione del settore internazionale del libro in Argentina", dice il testo.

 

Il blocco all'importazione di libri stampati all'estero era stato imposto per decreto dal governo di Cristina Kirchner nel 2012. Come conseguenza, ha osservato il ministro Avelluto, "il costo di produzione locale è diventato meno competitivo nel nostro settore, scoraggiando l'esportazione di libri all'estero ".

"Le restrizioni, - ha aggiunto Cabrera hanno isolato l'industria editoriale. Il libro ha un enorme valore culturale, ma genera anche migliaia di posti di lavoro qualificati che vogliamo promuovere: autori, editori, illustratori e designer argentini, tra gli altri. Vogliamo sviluppare i loro talenti in comunicazione con il mondo".

 

 

7-1-16