Giovedì 23 Novembre 2017
Treni. Un anno fa la strage tra Andria e Corato, aspettando giustizia e sicurezza PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Mercoledì 12 Luglio 2017 08:20

Un anno fa avveniva il tragico scontro tra due treni in Puglia, sulla tratta tra Andria e Corato, provocando la morte di 23 persone. Ad un anno dalla strage i familiari delle vittime attendono, come molti, giustizia, attendono i nomi dei responsabili, di chi avrebbe potuto evitare.

 

Attualmente nell’inchiesta sono indagate 13 persone per i reati, a vario titolo contestati, di disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo, lesioni personali colpose plurime e omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. Secondo quanto riporta la Procura di Trani, le conclusioni dell'inchiesta sulla strage del 12 luglio 2016 riportano queste cause all'origine dell'incidente: errori umani, sistemi di sicurezza obsoleti e problemi organizzativi. Il punto sulle indagini circa lo scontro dell'ET 1021 partito da Andria e diretto a Corato e l’ET 1016 diretto da Corato ad Andria, è stato fatto da Francesco Giannella, ex procuratore aggiunto di Trani, dagli investigatori della squadra mobile del Noif (nucleo operativo incidenti ferroviari) e dai periti nominati dalla Procura. Tra i 13 indagati ci sono dipendenti, manager e vertici della Ferrotramiviaria S.p.A. Le accuse: disastro colposo, lesioni e omicidio colposo plurimo. Il principale "imputato" della tragedia è il sistema del blocco telefonico, considerato obsoleto e insicuro.

 

I familiari delle vittime in queste ore si sono rivolte alle istituzioni e hanno chiesto al Presidente della Regione Puglia che «il 12 luglio diventi per sempre la giornata per la sicurezza dei trasporti, affinché tutti ricordino e nessuno debba più morire». Daniela Castellano, figlia di Enrico, una delle 23 vittime, a nome dell’Associazione strage treni in Puglia (Astip) ricorda quanto sia «importante capire che la sicurezza nei trasporti non è un gioco: le leggi vanno applicate senza se e senza ma».

 

 

12-7-17