Lunedì 18 Giugno 2018
Smuraglia alla Festa dei Ferrovieri di Ancora In Marcia! PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Martedì 12 Giugno 2018 10:08

Come ogni anno si rinnova la Festa dei ferrovieri a Pistoia organizzata dalla rivista Ancora In Marcia!. Un momento per ritrovarsi e per fare il punto anche sulle principali questioni del trasporto ferroviario dall’ottica esperta di quei ferrovieri impegnati non solo sui binari ma sul fronte della sicurezza di chi viaggia e di chi lavora, sul fronte delle battaglie civili e sociali delle quali i ferrovieri e macchinisti di In Marcia e Ancora in Marcia sono stati sempre protagonisti.

 

Come ogni anno personalità della società civile e della politica partecipano alla Festa, in questa edizione in corso oggi, ospite di eccezione è Carlo Smuraglia, partigiano, avvocato e fino al 2016 Presidente nazionale dell’ANPI, di cui oggi è Presidente emerito.

 

Con Carlo Smuraglia a Pistoia si è parlato di Costituzione, in occasione dei 70 anni dalla sua approvazione, un momento di riflessione sui valori della nostra Carta, ora e sempre da salvaguardare ed attuare.

Smuraglia, nel suo intervento apprezzato ed applaudito, ha sottolineato, "la necessità e l'urgenza, dato il quadro politico, di attuare la Costituzione" e ha ricordato la solidarietà come valore fondante di essa e la partecipazione come strumento di democrazia. Infine ha esortato a "metterci in campo" e a praticare la parola "Compagni" che non è una parola "ma un impegno".

L'intervento si è chiuso con le note di Bella Ciao intonate da Smuraglia insieme al "Coro 900".

 

 

Carlo Smuraglia è stato nominato Macchinista honoris causa dai Ferrovieri di Ancora In Marcia e Ezio Gallori gli ha consegnato il cappello da ferroviere, che simbolicamente lo unisce ai lavoratori del settore, ricordando il suo contributo politico a favore dei lavoratori e della democrazia, anche come legale e difensore di molti ferrovieri.

 

Anche quest’anno i ferrovieri di Ancora In Marcia!, dedicando la loro festa alla Costituzione, hanno mostrato la straordinaria attenzione ai temi della democrazia, della crescita civile, della partecipazione, nonché la necessità di non abbassare mai la guardia e non dare mai per scontato che le conquiste di ieri non siano più da difendere e che quelle di domani ci arrivino senza l’impegno, la lotta e la partecipazione quotidiana.

 

 

A. V.

 

11-6-18