Mercoledì 13 Dicembre 2017
Viareggio. Il 2 novembre udienza finale incidente probatorio PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandra Valentini   
Lunedì 31 Ottobre 2011 13:17

Inizierà il 2 novembre presso il Tribunale di Lucca l’udienza finale dell’incidente probatorio per la strage ferroviaria di Viareggio. L’appuntamento è importante ma avviene anche in un momento in cui ci sono sul tavolo novità che hanno suscitato perplessità e proteste da parte dei comitati dei familiari delle vittime e delle associazioni che si sono costituite all’indomani della tragedia per affiancare familiari e cittadini nella ricerca della verità e della giustizia.

Da una parte i provvedimenti sanzionatori da parte delle Fs nei confronti di Riccardo Antonini, macchinista e consulente dei familiari delle vittime; dall’altra la perizia dei periti incaricati dal Gip, che hanno individuato nella “piegata a zampa di lepre” l’elemento che avrebbe causato lo squarcio alla cisterna, una valutazione che appare in contraddizione con la tesi della Procura che vedrebbe nel picchetto per lo scambio la causa della rottura sulla cisterna.

“E' un risultato che non ci convince”, ha dichiarato Daniela Rombi, presidente dell’Associazione “Il mondo che vorrei” e madre di una giovane morta nell’incidente. “Siamo perplessi – afferma Daniela - immaginavamo che le conclusioni fossero, semmai, meno categoriche”.

Mercoledì davanti al Gip Silvestri si terrà l’udienza finale dell’incidente probatorio, nel corso della quale verranno esaminate la varie relazioni.

 

A. V.

 

31-10-11