Lunedì 11 Dicembre 2017
Fs e diritti. Velletri festeggia Dante con la “Titubanda” e il film “Quando combattono gli elefanti” PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Lunedì 07 Dicembre 2009 11:22

Sabato 5 dicembre presso il dopolavoro ferroviario di Velletri, gli amici di Dante e l’Associazione Zona Franca, hanno festeggiato la riassunzione del macchinista Dante De Angelis, delegato dei lavoratori  alla sicurezza....


Per la seconda volta Dante ha avuto ragione, denunciando pubblicamente, le carenze della  sicurezza e la necessità di un continuo controllo e di prevenzione che riguardano un sistema molto complesso e concatenato quale il trasporto ferroviario.
Siamo felici che la protervia della dirigenza FS e l’accanimento di una struttura di potere e di comando, contro un singolo lavoratore, che ha avuto la sola colpa di segnalare a tutti il valore della sicurezza, sia stata sconfitta da una esemplare sentenza del Tribunale del Lavoro di Roma, che rifacendosi ad un articolo delle nostra Costituzione, stabilisce la libertà e la tutela di ogni singolo lavoratore, ad esprimere le proprie opinioni, soprattutto quando si riveste un ruolo di garanzia pubblica, quale era ed è la figura di Dante “delegato alla sicurezza” come prevista da una legge dello Stato.
Inoltre la terribile tragedia di Viareggio, avvenuta dopo il secondo licenziamento di Dante, sta amaramente a dimostrare, quanta verità c’era nella sua  denuncia.
La parola d’ordine della festa era: LE IDEE NON SI POSSONO PROCESSARE COME IL MARE NON LO SI PUO’ RECINTARE, ricordano la storia di Dante e la sua volontà espressa subito dopo la sentenza di continuare con onestà, nei riguardi dei lavoratori e di noi tutti, di continuare la sua responsabile attenzione alla sicurezza dei treni.
La serata è iniziata con la visione dell’anteprima del film di Simone Amendola “Quando combattono gli elefanti” che ha come tema le varie vite che si svolgono attorno e dentro il mondo ferroviario, tra la quali la lotta dei macchinisti per la sicurezza ed il licenziamento di Dante…….la coda del film è la gioia per la vittoria di Dante, dentro l’amarezza e lo sconforto del dramma di Viareggio, che gli da una ragione di cui ne avrebbe fatto volentieri a meno.
Mentre Dante riconfermava ai presenti la sua determinazione a lottare sempre e comunque sul tema della sicurezza, in attesa della cena i musicisti della TITUBANDA hanno letteralmente incendiato la serata.
Questa banda di oltre trenta musicisti, ricorda molto le bande balcaniche, ricche di fiati e di ritmi indiavolati, nasce all’interno del Centro Sociale Strike, ed è composta da artisti dilettanti di tutte le età e generi, ma sanno fare musica come non pochi ma soprattutto mettono la loro bravura di musicisti al servizio delle lotte sociali e dei temi rilevanti della società e del mondo del lavoro.
La loro presenza e la loro musica hanno testimoniato solidarietà a Dante e a tutti quelli che lottano per un mondo migliore.


Velletri, gli amici di Dante


7-12-09