Mercoledì 22 Novembre 2017
Taglio treni. La Puglia non è un binario morto PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Mercoledì 18 Gennaio 2012 12:53

"La Puglia non è un binario morto. Ridateci i treni": due cartelloni 6 metri per 3 campeggiano da oggi anche sul palazzo del Consiglio regionale della Puglia, in via Capruzzi, a Bari, proprio di fronte alla palazzina della stazione centrale.

"Prendo atto della disponibilità dichiarata dal ministro Passera ad affrontare il problema dei collegamenti ferroviari ridimensionati da e per il Sud - afferma il presidente dell'Assemblea pugliese, Onofrio Introna - ma appartengo alla scuola dell'apostolo Tommaso: non credo finché non tocco con mano". "Attendiamo - aggiunge - la comunicazione ufficiale della nuova programmazione, che corregga il default dei trasporti ferroviari pugliesi messo in atto dai tagli di Trenitalia. Aspettiamo l'indicazione puntuale di nuove coppie di treni da Lecce a Milano e viceversa". Per questo, sulla facciata della sede consiliare sono stati esposti su iniziativa di Introna due cartelloni analoghi allo striscione già visibile sull'edificio nel quale ha sede l'ufficio del presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, sul lungomare di Bari. "La Puglia - insiste Introna - non è una colonia, è parte integrante e importante del Paese e come tale va considerata e dotata di servizi all'altezza delle esigenze di una società moderna".

 

 

18-1-12