Sabato 21 Luglio 2018
Società
Tutti diversi ma con gli stessi diritti. NO all’omofobia PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Valentini   
Giovedì 17 Maggio 2018 14:03

La Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia si celebra ormai da 14 anni in tutto il mondo il 17 maggio, contro le discriminazioni e le violenze contro persone LGBT.

La Giornata è riconosciuta anche dall'Unione Europea che nel 2007 ha varato la "Risoluzione del Parlamento europeo sull'omofobia in Europa" che invita “tutti gli Stati membri a proporre leggi che superino le discriminazioni subite da coppie dello stesso sesso e chiede alla Commissione di presentare proposte per garantire che il principio del riconoscimento reciproco sia applicato anche in questo settore al fine di garantire la libertà di circolazione per tutte le persone nell'Unione europea senza discriminazioni". Nonostante in Italia si sia avviato un percorso con il riconoscimento delle unioni civili siamo ancora molto indietro circa le politiche di garanzia ed uguaglianza degli appartenenti alla comunità LGTB.

 

Il report annuale di ILGA-Europe mette l’Italia al 32mo posto della classifica arcobaleno ed anche dall’annuale report di Arcigay emerge un quadro ancora preoccupante. Sono più di 100 i casi presi ad esame fra gli episodi di omotransfobia raccontati negli ultimi 12 mesi dai mass media, fra questi ci sono ben 4 omicidi. “L’omotransfobia è ancora oggi, e forse sempre di più, un fenomeno che impatta concretamente nella vita reale delle persone, nelle loro relazioni familiari e di vicinato, nei luoghi che frequentano o dai quali vengono allontanate o precluse” dichiara Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay. Tanto che per il 2018 la campagna lanciata da Arcigay porta il claim “Se è omofoba non è famiglia”.

Dall’associazione fanno sapere infatti che nelle quotidiane denunce e richieste di aiuto che ricevono nei 68 presidi in tutta Italia, molte richieste di aiuto provengono da adolescenti e giovani che a causa delle propria identità sessuale vengono discriminati, umiliati, sottoposti a violenza fisica e psicologica proprio all’interno dei loro stessi nuclei familiari. Una condizione di disagio forse fra le peggiori, perché nasce fra gli affetti, nel luogo che dovrebbe essere il più sicuro. La forza ed il coraggio di affermare se stessi passa anche attraverso la famiglia e forse per questo nelle tante manifestazioni, durante i Gay Pride, è sempre bello trovare tante famiglie e l’associazione dei genitori di persone LGTB che, di solito, espone i cartelli “orgogliosi dei nostri figli”.

 

Amore, diritti e rispetto sono le parole chiave. E "A little Respect" è il brano scelto dal Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli per il video lanciato per questa giornata, a cui partecipano fra gli altri le attiviste e gli attivisti del Mario Mieli ed il cast del Muccassassina. "La comunità LGBT pretende rispetto, non ci interessa la tolleranza - afferma il presidente dello storico circolo, Sebastiano F. Secci - noi per omofobi e fascisti vogliamo essere intollerabili, poiché non medieremo mai sulle nostre istanze di parità, dignità e laicità".

 

V.V.

 

17-05-2018

 
Sabato manifestazione nazionale a Roma per la Palestina PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Giovedì 10 Maggio 2018 09:07

Il Coordinamento delle Comunità Palestinesi e l'Udap, Unione Democratica Araba Palestinese in Italia, "invitano a partecipare alla manifestazione nazionale a Roma, in Piazza dell'Esquilino, sabato 12 maggio alle ore 15,

Leggi tutto...
 
Treni. Incidente vicino Genova, nessun ferito PDF Stampa E-mail
Scritto da Valentina Valentini   
Lunedì 30 Aprile 2018 17:55

Ancora un incidente ferroviario, questa volta nelle vicinanze di Genova, nello scalo ferroviario di Terralba, dove intorno alle 9 un treno in manovra ha urtato il termine di un binario tronco schiantandosi contro la banchina.

Leggi tutto...
 
Migranti. Arrivata a Trapani nave con 537 persone PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandra Valentini   
Lunedì 23 Aprile 2018 19:46

E' approdata al porto di Trapani la nave Aquarius con a bordo 537 migranti soccorsi nei giorni scorsi nel Mediterraneo.

Sono 452 gli uomini, 85 le donne, di cui molte sole e quattro in stato di gravidanza. I minori non accompagnati sono 125. La gran parte proviene dall'Eritrea, ma anche da Algeria, Guinea e Ghana. Al porto la Guardia costiera e le organizzazioni umanitarie, oltre alle forze dell'ordine.

 

23-4-18

 
Migranti. Calano gli sbarchi rispetto al 2017 PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandra Valentini   
Domenica 22 Aprile 2018 16:10

Sale a 104.776 il saldo negativo degli sbarchi di migranti dall'1 luglio scorso ad oggi rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente. Negli ultimi dieci mesi, cioè, sono giunte via mare in Italia 43.166 persone, contro le 147.942 del periodo 1 luglio 2016-20 aprile 2017.

Leggi tutto...
 
In Italia disuguaglianza aumentata. La patrimoniale la riduce parola di OCSE PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Giovedì 12 Aprile 2018 09:26

L'Italia è uno dei Paesi dove, dopo la crisi economica dell'ultimo decennio, la disuguaglianza sociale è più aumentata e dove la concentrazione di ricchezza verso l'alto è diventata più evidente. Lo dice l'Ocse nel rapporto 'The Role and Design of net wealth taxes' pubblicato oggi.

Leggi tutto...
 
Migranti. Gip, resta sequestrata nave Open Arms PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Martedì 27 Marzo 2018 10:16

Resta sequestrata la nave della Ong spagnola Proactiva Open Arms, ormeggiata al porto di Pozzallo dal 18 marzo scorso dopo il salvataggio di 215 migranti. Lo ha deciso il gip di Catania Nunzio Sarpietro che ha accolto la richiesta della procura distrettuale etnea.

Leggi tutto...
 
In Messico ucciso giornalista, il terzo da inizio anno PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandra Valentini   
Giovedì 22 Marzo 2018 20:42

Un giornalista messicano, che curava una pagina Facebook di informazione regionale, è stato assassinato nella sua casa nello stato di Veracruz.

Leggi tutto...
 
Cisterna di Latina. Una mattanza e troppe sottovalutazioni e indifferenza PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Giovedì 01 Marzo 2018 11:23

Luigi Capasso, il carabiniere di stanza a Velletri, ieri dopo aver sparato alla moglie Antonietta, sotto la sua abitazione a Cisterna di Latina, si è barricato in casa con le due sue figlie e dopo averle uccise si è suicidato. L'uomo, lo ricordiamo, si era barricato per nove ore con le bambine a quel punto forse già morte.

Leggi tutto...
 
Armi. Ragazzi in corteo a Washington PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Giovedì 22 Febbraio 2018 14:29

Al grido di 'Quanti altri ancora'?, è arrivata ieri a Washington la protesta di studenti e ragazzi, che chiedono controlli più stretti sulle armi ad una settimana esatta dalla strage in una scuola di Parkland, dove un 19enne ha ucciso 17 persone.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 79