Lunedì 16 Luglio 2018
Storie di rugby e adolescenza. FRAGILE, il nuovo romanzo di Fabrizio Casa PDF Stampa E-mail
Scritto da DirittiDistorti   
Mercoledì 18 Aprile 2012 10:09

Domani, giovedì 19 Aprile. alle ore 1 9,00 presso la Libreria Amore e Psiche (Via Santa Caterina da Siena, 61 – ROMA) si parlerà di "Etica del rugby”. Un incontro che nasce in occasione dell’uscita del nuovo romanzo di Fabrizio Casa , Fragile (Sinnos editrice, euro 11,00) in cui il rugby “gioca” un ruolo fondamentale.

Il giornalista Francesco Volpe (Responsabile Sport Vari de Il Corriere dello sport - Stadio, capo rubrica rugby dal 1991) e Enrico Maria Artale (regista del film “Il terzo tempo”) dialogheranno del rapporto tra adolescenti e rugby con Fabrizio Casa che torna in libreria dopo il successo di Pioggia sporca.

In Fragile incontriamo di nuovo il sovrintendente Mitraglia che questa volta si trova ad affrontare una serie di rapine, per le quali l’unico indiziato è Andrzej Corso, un quindicenne che vive con sua madre Vera, originaria della Polonia. Il poliziotto però non vuole credere alla sua colpevolezza, e nel corso delle indagini si troverà a fare i conti con un vecchio omicidio irrisolto, un passato doloroso e un presente in cui il rugby, e i suoi valori e le regole certe, potranno forse dare una svolta alla vita di Andrzej.
Andrzej, è il ragazzo che non si vuole avere nelle classi dei propri figli, che appartiene alla schiera di quegli adolescenti né italiani né stranieri estranei a tutto, che non nutre altra speranza se non quella di farsi una reputazione da duro nel quartiere in cui vive. Troppo facile però considerare quelli come lui mele marce da gettare nei rifiuti. Andrzej è fragile, che significa facile a rompersi, delicato, poco solido, insicuro, corruttibile. Eppure fragile rimanda anche a elementi positivi e gradevoli: la finezza delle linee, la purezza dell’aspetto.

Se in Pioggia sporca la boxe faceva da sfondo a una storia di intolleranza che poi diventa scoperta di sè e dell'altro, nel nuovo romanzo di casa è il rugby nel romanzo a rappresentare l’unica possibilità di salvezza per il protagonista, un’alternativa alla realtà della periferia che sembra non lasciare scelta. L’Andrezej del rugby si scopre diverso, pronto a riprendersi la sua vera identità nascosta dietro la maschera che l’aveva da sempre bloccato. E la decisione da prendere su chi desidera davvero essere diventa una necessità che non può più rimandare.

 

18-04-2012