Mercoledì 25 Aprile 2018
Documenti
L’ALFAD DI VELLETRI RICORDA DARIO FO ED IL SUO NOBEL PER I DISABILI E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

Era il 1997 quando Dario Fo vinse il Premio Nobel per la letteratura e già questa era una bella notizia che rendeva onore ad una carriera straordinaria fatta di impegno civile, cultura, conoscenza trasmesse a tutti, per dare ad ognuno una chiave diversa di lettura della realtà e renderci cittadini e persone più consapevoli.

Nelle motivazioni del Premio, Dario veniva descritto  "figura preminente del teatro politico che, nella tradizione dei giullari medievali, ha fustigato il potere e riabilitato la dignità degli umiliati".

Leggi tutto...
 
SIMBOLISMO IN EVOLUZIONE. Mostra delle opere di Giangaetano Patanè E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

La Fondazione Ducci di Roma, al fine di promuovere l’arte in tutte le sue espressioni, presenta nell’ambito della terza edizione della rassegna d’arte contemporanea ArtInFondazione, la personale di Giangaetano Patanè intitolata Simbolismo in Evoluzione, a cura di Claudio Strinati. La mostra sarà inaugurata venerdì 13 maggio 2016 alle ore 18.30 presso gli storici spazi espositivi del Cenacolo de l’Erma a Palazzo Cisterna in Via Giulia 163, nel cuore della Capitale alla presenza dell’artista e del Presidente Paolo Ducci.

La mostra propone un gruppo di ventuno opere che testimoniano il percorso dell’artista. Nato a Roma nel 1968, nel 1994 frequenta il College of Art of Edimburgh , nel 1996 colloca un monumento in bronzo in S. Maria in Ara Coeli-Roma, nel 2000 e nel 2002 è vincitore di borse di studio che lo portano rispettivamente in Sydney e a Colonia. Nel 2003 incarico di Private Banking BNL. Nel 2013 entra nella collezione del museo di Arte Contemporanea R. Bilotti Ruggi d’Aragona – Rende (CS). Attualmente risiede a Roma, all’Ex -Pastificio Cerere. Ha esposto a Roma (Chiostro del Bramante, GNAM, Complesso del Vittoriano), a Vienna e Berlino.

Leggi tutto...
 
Conoscere l’Islam-Scheda 2. L’espansione e la scissione E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Nel giro di pochi decenni la predicazione di Maometto si espanse oltre Medina, al seguito dell’esercito musulmano lanciato alla conquista sotto la guida del Profeta che fu condottiero religioso, militare e politico. La prima, clamorosa vittoria fu quella di Badr (624) a circa105 Km. da Medina, seguita da altri trionfi militari: nel 630 circa 10.000 seguaci dell’Islam marciarono sulla Mecca e vi entrarono senza colpo ferire.

Verso il 632, dopo altre battaglie, i musulmani furono virtualmente padroni di tutta l’Arabia. Del nuovo e vasto assetto territoriale e politico Maometto fu l’organizzatore e il legislatore, il Corano e i suoi comportamenti di vita segnarono la “legge”, la “Sharia”, diretta volontà di Dio espressa dal Profeta e regolatrice di tutta la vita umana, dove non appare la distinzione tra rapporti giuridici e sfera morale individuale, caratteristica che non trova riscontro nella cultura occidentale.

Leggi tutto...
 
Anche noi di Diritti Distorti aderiamo alla campagna VERITA' PER GIULIO REGENI E-mail

 
Conoscere l’Islam- Scheda 1. LE ORIGINI E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Culla dell’Islam fu l’Arabia Centrale, una vasta regione di deserti e montagne percorsa da piccoli gruppi di uomini e donne con scarsi legami sociali se non quelli della tribù e della famiglia. La religione rappresentava caratteri semplici : pochi dei, il culto delle pietre, la credenza negli “ginn” (spiritelli del deserto).

La “legge” seguita era la “sunnah”, l’abituale comportamento degli antenati assunto come regola dai discendenti. Città principali erano la Mecca, centro di commerci e di finanza, dominata dalla tribù dei Coreisciti, e, a 350 Km. a Nord della Mecca, Yatrib, , centro prevalentemente agricolo.

Alla Mecca nacque, fra il 567 e il 572, Maometto, da un ramo della potente tribù dei Coreisciti. Nella città visse gli anni della fanciullezza con il nonno e poi con uno zio e con il cugino Alì. Ragazzo lavorò nel settore commerciale alle dipendenze di una ricca vedova che diventò in seguito sua moglie.

Leggi tutto...
 
Report infortuni sul lavoro a cura di Carlo Soricelli E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Riportiamo il report che periodicamente e con grande studio e accuratezza viene prodotto dall'Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro.

Leggi tutto...
 
Sughereta in festa a Monte San Biagio E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

A Monte San Biagio, in località San Vito, si apre il 5 Agosto la VI° Edizione di “Sughereta in festa”, uno dei più importanti eventi folcloristici della provincia di Latina. L’appuntamento durerà dal 5 al 9 Agosto, nel cuore della Sughereta si svolgeranno spettacoli, musica, balli. L’edizione di questo anno è dedicata al magico mondo delle fate e si svolge sotto l’omonimo Monte.

Leggi tutto...
 
Festa Medievale a Fossanova. 11, 12 e 13 Agosto E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Il bellissimo e suggestivo borgo di Fossanova a Priverno (LT) si sta preparando alla ventesima edizione della Festa Medievale, appuntamento apprezzato non solo nella provincia pontina ma su tutto il territorio laziale e nazionale.

Leggi tutto...
 
Memoria e valori nelle canzoni. La leggenda del Piave E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

 

La canzone del Piave o Leggenda del Piave è una canzone patriottica scritta nel 1918 da Ermete Giovanni Gaeta. Il testo ricorda e narra l’inizio della Prima Guerra Mondiale e gli scontri sul Piave contro l’esercito Austro-Ungarico, la ritirata di Caporetto, la difesa e poi la vittoria finale. La canzone fu anche inno nazionale dal 1943 al 1946. Come abbiamo fatto per altri episodi della storia d’Italia, con questa canzone intendiamo non celebrare una entrata in guerra ma ricordare come 100 anni fa ebbe inizio una pagina triste e dolorosa della nostra storia, che tuttavia non rese l’Italia immune da un’altra guerra a pochi anni di distanza. Però da questo testo viene fuori anche un’altra riflessione, il pensiero a quei fanti, giovani e spesso ingenui andati o mandati a morire per una Patria. Giovani fanti dai giovani ideali, troppo presto caduti.

Leggi tutto...
 
L'Associazione Diritti Distorti presenta BEFILMAKER A GAZA E-mail

"Befilmaker a Gaza” è il libro di Valerio Nicolosi, edito dall’Associazione Nazionale Filmaker e Videomaker Italiani. Il reportage racconta l’esperienza a Gaza di Valerio attraverso 22 racconti e 26 fotografie. L’intero ricavato delle vendite sarà utilizzato per un nuovo corso di videomaking a Gaza.

 

GUARDA IL BOOKTRAILER

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 18