Mercoledì 13 Dicembre 2017
Festa Medievale a Fossanova. 11, 12 e 13 Agosto E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Il bellissimo e suggestivo borgo di Fossanova a Priverno (LT) si sta preparando alla ventesima edizione della Festa Medievale, appuntamento apprezzato non solo nella provincia pontina ma su tutto il territorio laziale e nazionale.

 

L'abbazia cistercense ed il borgo praticamente intatto nei suoi profili medioevali riportano ognuno in mondo di cavalieri, armi ed amori, un'atmosfera unica ed avvolgente.

 

Dall'11 al 13 agosto tutti potranno rivivere la magia di un tempo fatto di viandanti, monaci, templari, maghe e streghe. Si camminerà tra giullari e guerrieri ed il borgo sarà animato dalle attività e dalle botteghe antiche, dove rivivranno antichi mestieri e antiche pratiche. Nel borgo saranno ricostruiti l’antico mercato, l’accampamento delle milizie, le botteghe dei guaritori e degli alchimisti.

 

Nelle tre serate si esibiranno gli Ensamble Histriones Carbji con le loro pive, il quartetto Zampogneria Fiume Rapido e le dolci note delle arpe dell’Ensamble Aubespine, il Coro Gregoriano. Non mancheranno gli stand con i piatti tipici medievali, l’animazione a tema, tantissimi figuranti in costume, i giochi medievali riservati ai bambini.

Convegni e mostre si terranno al Centro dei Monti Lepini, nel chiostro dell’Abbazia e presso l’Infermeria dei Conversi.

 

La prima giornata sarà dedicata al tema Mille e non Più Mille: l’attesa dell’apocalisse dell’Anno Mille; lo spettacolo Zena, processo ad una strega tratto da uno scritto di Dacia Maraini per la regia di Barbara Amodio.

Nella serata di mercoledì 12 agostoil tema sarà Il Cerusico e Ildegarda. In serata, tra le altre cose, la proiezione del film di Pupi Avati: Magnificat.

L’ultima serata, quella di giovedì 13 agosto, sarà dedicata al tema: Dalla Misura del Cibo, con il convegno animato da interventi legati all’atto del mangiare, il nutrimento dalla regola benedettina e i digiuni degli asceti, fino ai giorni nostri. Gli spettacoli per le vie del borgo prevedono il corteo di contadini e artigiani. La serata si chiuderà con un altro spettacolo teatrale I Digiuni di Santa Caterina scritta e diretta da Dacia Maraini e interpretata dal laboratorio teatrale di Castro dei Volsci condotto da Barbara Amodio.

 

 

3-8-15