Mercoledì 28 Giugno 2017
Una nuova barbarie
Scritto da DirittiDistorti   
Domenica 06 Dicembre 2009 13:21

Giungono all’ora di pranzo, notizie come questa del lavoratore senegalese, ucciso perché reclamava il suo fondamentale diritto a ricevere la dovuta retribuzione sul lavoro svolto.  Il cucchiaio si ferma a mezz’aria e ti passa la voglia di mangiare per il dolore e la rabbia.

Ti domandi in che razza di Paese stai vivendo e, se basti un episodio del genere (purtroppo non isolato), per mettere in dubbio i risultati di anni di sacrosante battaglie nel nome della dignità del lavoro, direi della dignità stessa del vivere civile. Come non notare che l’autore di questa ennesima barbarie è un cittadino italiano, abitante proprio di quel “Nord”,  un tempo culla e testimone dei progressi più significativi ottenuti sul piano dei diritti dei lavoratori ?? Ora sembra tornata a prevalere la logica dello sfruttamento sui nuovi soggetti deboli, gli ultimi anelli di una catena produttiva sempre più incrinata dalla crisi del sistema. Da qualche parte intanto si promuove, da parte delle Autorità locali una campagna scellerata, per la caccia “porta a porta” al cittadino extracomunitario privo del Permesso di Soggiorno e la si intitola proprio: “White Cristmas”, in omaggio allo spirito caritatevole del Natale.
Per piacere, ditemi che è soltanto un incubo !!!!
 
 
Caterina

Ultimo aggiornamento Venerdì 12 Marzo 2010 09:42