Lunedì 16 Luglio 2018
Il diritto di cambiare

 

Giustizia sociale, un concetto nuovo che racchiude molti dei diritti enunciati nella Dichiarazione universale del 1948 e che da questi non può prescindere. La giustizia sociale è la possibilità di ogni individuo di essere incluso e di partecipare alla vita della propria società, ma questo come è possibile se non vengono rispettati diritti fondamentali come quello alla nutrizione, all’assistenza sanitaria, all’istruzione, al lavoro? Non solo, per garantire la giustizia sociale occorre garantire una equa distribuzione dei redditi, l’accesso agli strumenti di produzione, un ambiente sano, una giusta informazione, un buon livello di sicurezza e l’uguaglianza nella partecipazione politica.
“La crisi mondiale che stiamo vivendo colpisce le persone in modo molto diseguale. A patirne le conseguenze sono coloro che già vedono meno rispettati i propri diritti fondamentali, primi tra tutti quelli alla giustizia sociale: persone con scarsa istruzione, emarginati, immigrati, contadini senza diritti sulla terra che coltivano, donne che non vedono riconosciuto il loro ruolo nella società”. ActionAid raccoglie le sfide lanciate dalla giustizia sociale, lo fa nella sua azione quotidiana, lottando da oltre 30 anni contro la povertà e l’esclusione sociale, e lo fa con questo libro. Il diritto di cambiare (Infinito Edizioni)  racconta l’ingiustizia sociale in Italia e in alcuni Paesi del Sud del mondo, attraverso casi che hanno come sfondo tre temi fondamentali: il diritto al cibo, fortemente legato alla possibilità di coltivare la terra; i diritti delle donne; il diritto ad una governace giusta. L’obiettivo è quello di cercare opportunità di riscatto per coloro che subiscono ingiustizie, che sono emarginati ed esclusi, “sono prima di tutto loro ad avere il diritto di cambiare”. Il cambiamento verso una società più giusta, in cui le differenze fra Sud e Nord del mondo, fra molto poveri e molto ricchi, fra chi muore di fame e chi consuma siano superate è possibile. E’ possibile attraverso la formazione e l’informazione, attraverso la partecipazione e l’attivismo, combattendo alla base le cause profonde della povertà e dell’ingiustizia. E’ possibile con l’impegno di tutti, per questo Il diritto di cambiare non è solo un libro che fa bene all’anima di chi lo legge, ma è un’azione concreta: tutti i diritti d’autore del libro sono destinati ad un progetto in Etiopia, allo scopo di migliorare l’agricoltura sostenibile ed il livello di sicurezza alimentare, attraverso la valorizzazione e la partecipazione delle donne.
Con soli 12 euro possiamo dare un piccolo contributo al cambiamento!

www.actionaid.it
www.infinitoedizioni.it